Commissione pastorale parrocchiale

 

Consiglio della Comunità Educativa Pastorale

 

 

COMMISSIONE PASTORALE PARROCCHIALE

 

 

Premessa

Lo zelo apostolico di Don Bosco per i giovani più poveri di Torino lo spinse a creare una parrocchia per i giovani senza parrocchia. Don Bosco stesso a suo tempo accettò sette parrocchie. Nell'anno 1887 scrisse un regolamento sul corretto funzionamento della parrocchia. Toccò le tematiche che più lo preoccupavano: l'attenzione prioritaria ai giovani, soprattutto i più poveri e l'identità del religioso salesiano parroco che vi presta servizio in comunione con il Vescovo e il clero diocesano: "I malati, i poveri e i ragazzi siano oggetto di speciale sollecitudine (dei parroci)" (DELIBERAZIONI DEL QUARTO CAPITOLO GENERALE DEL 1886).

 

Dopo un lungo corso di anni, il CG 19 ha affermato che la parrocchia è luogo per "una cura esemplare della comunità giovanile" (CG19, IX, 3), e il CG 20 afferma che "noi troviamo nel ministero parrocchiale vaste possibilità e favorevoli condizioni per adempiere alle finalità proprie della nostra missione e, in particolare, per l' educazione dei giovani di estrazione popolare o povera" (CG20, 401). Il CG 21 considera la parrocchia come un'opera che ci permette di collocarci tra i giovani per evangelizzarli e in essa possiamo evangelizzare secondo lo stile del PEPS (cfr. CG21, 135). Il Capitolo conferma la priorità della pastorale giovanile e definisce le caratteristiche della parrocchia salesiana (cf. CG21, nn. 136-141). Nel 1984, con l'approvazione definitiva delle Costituzioni e Regolamenti della Società di San Francesco di Sales rinnovati, la parrocchia è esplicitamente riconosciuta come uno degli ambienti nei quali realizziamo la nostra missione: "Realizziamo la nostra missione anche nelle parrocchie, rispondendo alle necessità pastorali delle Chiese particolari in quelle zone che offrono un adeguato campo di servizio alla gioventù e ai ceti popolari" (cfr. Cost. 42; Reg. 25) L'opzione per i giovani nella parrocchia affidata ai salesiani non è esclusiva o discriminatoria, ma preferenziale. Questa opzione preferenziale è un dono prezioso per la missione in tutta la comunità ecclesiale.

 

Fonte: Dicastero per la Pastorale Giovanile Salesiana, La Pastorale Giovanile Salesiana. Quadro di Riferimento, Roma 2014

 

PROPOSTA EDUCATIVO-PASTORALE 

OBIETTIVO PASTORALE 2015-2016

 

UNITÀ

OBIETTIVO/TEMA

STRENNA R.M.

 "Con Gesù, percorriamo insieme l'avventura dello Spirito!"

IME

Nell'anno giubilare ogni Comunità Educativa Pastorale, accogliendo il dono della misericordia di Dio, la testimonia con rinnovati stili relazionali e, compiendo le opere di misericordia, diviene con i giovani e per i giovani "isole di misericordia in mezzo al mare dell'indifferenza"

DIOCESI

"La sollecitudine del pastore e la docilità del gregge"

Le Visite pastorali nella nostra Diocesi "Memoria fedeltà profezia - le Lettere inviate alle singole comunità, introdotte dal contributo di un sociologo che offre una chiave di lettura e aiuta ad individuare alcuni aspetti che caratterizzano la nostra Chiesa diocesana. In modo particolare, il sociologo, analizzando i testi, risponde a tre quesiti:

a) Come invitare ciascuna delle comunità parrocchiali di questa diocesi ad aprirsi al proprio territorio?

b) Come far crescere ciascuna delle comunità parrocchiali nella scelta mistagogica?

c) In quale direzione orientare le stesse comunità affinché assolvano il loro delicato dovere educativo verso i giovani ed i ragazzi?

 

 

COMUNITÀ
EDUCATIVA
PASTORALE

 

Come don Bosco, con i giovani per i giovani:

Unità

Comunità

Con i giovani per i giovani

COMMISSIONE PASTORALE PARROCCHIALE

La Parrocchia, in quest'anno giubilare, promuove, sostiene e accompagna le singole realtà esistenti nella progettazione e realizzazione di opere di misericordia "con i giovani e per i giovani", all'interno della Parrocchia e si fa carico della sensibilizzazione:

-   a tener viva l'unità all'interno dei Settori della CEP;

-    alla realizzazione del Progetto Educativo Pastorale della Casa di Bari

 

 

 

 

 

 

COMMISSIONE PASTORALE PARROCCHIALE

 

PROPOSTA EDUCATIVO-PASTORALE

 

 

PUNTI DI FORZA

(da rafforzare)

PROBLEMI APERTI

(da affrontare)

LINEE DI AZIONE

(da perseguire)

MISERICORDIA

CORPORALE

1

La dimensione caritativa nei gruppi esistenti

Accoglienza degli immigrati e delle loro famiglie con i relativi bisogni

Sensibilizzazione del territorio attraverso attività ed eventi che coinvolgano tutta la CEP nel dare risposte materiali ai bisogni emergenti (raccolte fondi, giornate a tema, mensa diocesana)

2

Il nascente gruppo Caritas

Far comprendere a tutta la realtà parrocchiale l'identità, compiti e responsabilità del gruppo "Caritas" che anima e coordina la carità

Maggiore collaborazione e conoscenza delle realtà caritative esistenti in Diocesi

Rafforzare i Centri di Ascolto esistenti

MISERICORDIA

CULTURALE

1

Le famiglie

La difficoltà educativa "in situazione" delle famiglie

Scuola per genitori

MISERICORDIA

RELAZIONALE

1

La disponibilità ad accogliere l'altro non come fatto personale ma come comunità

Potenziare l'accoglienza e l'attenzione all'altro

Realizzazione di una Equipe che studi e coordini le modalità di intervento a seconda delle situazioni più gravi e creando una rete di solidarietà

MIESRICORDIA

SPIRITUALE

1

Momenti spirituali durante l'Anno Liturgico

Approfondimento del carisma salesiano sul tema della "Misericordia", a partire dal Magistero della Chiesa, Salesiano e della Diocesi

Assemblea comunitaria 2 volte al mese Incontri formativi ad ogni livello di gruppo e associazioni

2

Crisi di identità a livello spirituale

Disponibilità all'accompagnamento spirituale del singolo da parte dei presbiteri e di Laici adulti qualificati

 Formazione di "competenze"

 

 

 

 

 

COMMISSIONE PASTORALE PARROCCHIALE 2015/2016

 

Direttore, don Francesco Preite

 

Segretario CEP: responsabile dell'Ufficio stampa Redentore - Comunicazioni Sociali,         

Giuseppe Cifarelli -  Cell. 327.6769759 Mail: bari@donboscoalsud.it

 

 

Coordinatore Commissione Parroco Don Mario Sangiovanni 

Segretaria Anna POSA, consacrata-coord ASC-ministro s.comunione;

 

 

Membri SETTORE LITURGIA

-          Don Roberto Tifi, vicario parrocchiale;

-          Pina BRUCOLI, presidente ADP;

-          Antonio CASCIONE, animatore-collaboratore parroco- rappresentante CEP;

-          Francesco FORNARELLI, coro messa ore 19;

-          Liliana GENCHI, addetto al culto;

-          Linda GIAQUINTO, addetto al culto;

-          Antonio GRIMALDI, coro messa ore 11:30;

-          Rosa MISCEO, presidente ADMA-ministro s.comunione;

-          Elena PAPARELLA, addetta al culto;

-          Anna POSA, consacrata-coord ASC-ministro s.comunione;

 

Membri SETTORE EVANGELIZZAZIONE, CULTURA E PROMOZIONE UMANA

-          Don Roberto Guarino,  economo;

-          Gaetanina ANCONA FLORIO, coordinatrice FMDB;

-          Teresa e Lello BEVILACQUA, animatori corsi nubendi;

-          Vito CARULLI e Alma MIOLLA, coordinatori TR;

-          Teresa CLEMENTE, catechesi ICR;

-          Raffaella D'ERCOLE, catechesi ICR;

-          Iose GIACOBONI , catechesi ICR;

-          Gianni MARZANO, catechesi ICR;

-          Clara MINIERI, catechesi ICR;

-          Michele PARISI  dimensione cultura e promozione umana-rappresentante CEP; 

-         Domi CALABRESE dimensione cultura e promozione umana-rappresentante CEP;

-          Rocco SALATINO, coordinamento catechisti ICR;

-          Maria SFORZA e Rosanna VITAGLIANO, catechesi prebattesimale;

-          Giuseppe CIFARELLI,responsabile comunicazioni Redentore-segretario cep

 

 

 

Membri SETTORE CARITA'

-          Natale ANACLERIO, presidente Amici degli anziani;

-          Enza CAPODIFERRO, rappresentante FIDAS;

-          Dora DRAICCHIO, coordinamento Caritas- rappresentante CEP;

-          Mimmo LANDRISCINA, affari economici;

-          Loredana LEPORE, presidente san Vincenzo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

News ANS

Giappone – Le sfide che attendono don Yamanouchi

(ANS – Tokio) – “Come già fece Papa Francesco dopo la sua elezione, anch’io ... leggi tutto

Tanzania – La storia di Grace e il cammino verso un futuro migliore per le ragazze

(ANS – Dodoma) – Grace è una giovane tanzaniana di 21 anni. Figlia di agricoltori, ... leggi tutto

Venezuela – Dopo la profanazione delle tombe, i Salesiani defunti possono ora riposare in pace

(ANS – Caracas) – Pochi giorni fa, a 107 anni d’età, è morto don Giuseppe ... leggi tutto

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news