Rassegna Stampa 3

Rassegna Stampa - Redentore Salesiani Bari

 


 
 
la Repubblica Bari 14 Giugno 2018 PAG VII - PDF
 

Bari: al via "Estate Ragazzi 2018" al Redentore

 
 
 

Bari: al via "Estate Ragazzi 2018" al Redentore

Al via la rassegna di eventi “Estate ragazzi 2018”, organizzata dall’Oratorio Redentore Salesiani nel quartiere Libertà di Bari. L’iniziativa – presentata a Palazzo di Città – conta già oltre 100 iscritti, ma sono disponibili complessivamente 250 posti. Dal 18 giugno fino al 14 luglio, per 4 settimane, il cartellone propone laboratori, gite, divertimento, musica, giochi per i ragazzi e le ragazze tra gli 8 e i 14 anni.

Tutte le attività si svolgeranno dal lunedì al venerdì sia la mattina, dalle 8.30 alle 13.30, sia il pomeriggio dalle 17 fino alle 20.

Il primo appuntamento è per lunedì 18 giugno, alle 8,30 in Oratorio con la presentazione degli animatori e dello staff e la consegna delle magliette.

Alla presentazione dell’iniziativa in Comune erano presenti il sindaco Antonio Decaro, il consigliere Massimo Maiorano, don Francesco Preite con gli educatori del Redentore, il comandante provinciale dei Carabinieri Vincenzo Molinese, la presidente del Rotary Club Bari Mediterraneo Giusi Pauluzzo e il presidente ex Allievi di Don Bosco Emanuele Tanzi.

 
 
 
 
 
 
 
 

Bari, “Baby Boss” al Redentore: un mese di giochi, sport e laboratori per i ragazzi del quartiere Libertà – VIDEO

Estate Ragazzi ha il sostegno del Comune di Bari e Rotary Club

Sono aperte le iscrizioni alle attività di “Estate Ragazzi” organizzate dell’Oratorio salesiano Redentore, al quartiere Libertà, per tutti i ragazzi nati dal 2004 al 2011 (a partire da lunedì prossimo fino al 14 luglio). Un mese ricco di eventi tra laboratori, musica, giochi e sport (calcio, pallavolo e basket). In programma anche alcune brevi trasferte: pellegrinaggio in bici alla Basilica di San Nicola, mattinate in spiaggia sul nuovo waterfront di San Girolamo, una gita al parco acquatico di Metaponto, pomeriggi all’aperto nel giardino Mimmo Bucci.
Il tema “Baby Boss” fa riferimento in modo ironico al titolo del film d’animazione, ma al Redentore il vero leader è chi rispetta le regole e il prossimo. Per le iscrizioni è aperto uno sportello in oratorio, in via Martiri d’Otranto 65 (tutti i giorni) con sconti alle famiglie con reddito Isee inferiore a 10 mila euro e iscrizione gratuita per i nuclei con reddito inferiore a 3 mila euro. Estate Ragazzi ha il sostegno del Comune di Bari e Rotary Club.
YouTube Video Preview

“Parlare di linguaggi di gioco e musica ci aiuta a creare una cultura della accoglienza per fronteggiare bullismo e prepotenze”, ha detto Don Francesco Preite, direttore dell’Oratorio Redentore. “Ho cambiato idea giovani della malavita locale. Prima lì disprezzavo ma molti di loro sono costretti dalla società a questa scelta di vita che ha due strade: la morte o la galera”, ha aggiunto il sindaco Antonio Decaro.

 

 

 

pres estate dei ragazzi
 
Eventi e cultura

Al via l'Estate dei Ragazzi del Redentore. 4 settimane di divertimento, giochi e musica

Il tema è il film "Baby Boss". Don Francesco: «Leader è chi rispetta le regole». Decaro: «Libertà mi ha dato nuovo approccio ai problemi della città»

 
 
 
Pronta ai nastri di partenza l'edizione 2018 dell'Estate dei Ragazzi, organizzata dall'oratorio salesiano della parrocchia Redentore, nel rione Libertà di Bari. Da lunedì 18 giugno alle 17 fino a sabato 14 luglio, quattro settimane dedicate a ragazzi e ragazze nati dal 2004 al 2011 con laboratori, divertimento, musica, giochi e tante altre attività ludico-educative. Le iscrizioni sono aperte presso l'oratorio in via Martiri d'Otranto 65, tutti i giorni dalle 17 alle 20. All'opera salesiana del Redentore ne sono già pervenute un centinaio; un numero destinato a crescere visto l'alto impatto socio-educativo dell'Estate dei Ragazzi, patrocinata dal Comune e finanziata dal Rotary Club Bari Mediterraneo, in uno dei quartieri più complessi della città.

Dal lunedì al venerdì sono previste al mattino (8:30-13) numerose attività sportive che vanno dal calcio al basket fino alla pallavolo. Dopo il classico appuntamento con la merenda, i ragazzi potranno scegliere tra un vasto spettro di attività laboratoriali a carattere educativo: danza, clown, pittura su stoffa, braccialetti, musica jazz e percussioni. Il tutto a cura di un'affiatata squadra di educatori volontari cresciuti nell'oratorio del Redentore.

Il programma si aprirà nel pomeriggio di lunedì prossimo, e si articolerà nei giorni successivi in giornate tematiche sulla legalità e gite fuori porta (al parco acquatico di Metaponto, ma anche un pellegrinaggio in bici alla basilica di San Nicola). Ogni sabato appuntamento nel giardino Mimmo Bucci con le attività di animazione territoriale a cura dell'oratorio. Il calendario completo è consultabile sul sito internet dell'oratorio Don Bosco, a questo link.

I tema di quest'anno prende spunto dal divertente film di animazione "Baby Boss", per sottolineare che «Il vero leader è chi rispetta le regole», come spiega don Francesco Preite, direttore dell'oratorio Redentore. «La collaborazione con Comune e Rotary - prosegue don Francesco - ci permette di fare rete sul territorio. L'educazione riguarda più soggetti coinvolti nel fare inclusione. Ringrazio il Rotary per il contributo, con cui garantiamo l'iscrizione gratuita ai ragazzi provenienti da famiglie con reddito ISEE inferiore a 3.000 Euro».

«L'Estate dei Ragazzi al Redentore - continua il sindaco di Bari Antonio Decaro - è per me opportunità di conoscere e innamorarmi del Libertà in tutte le sue sfaccettature. Ogni volta ripetiamo che è il quartiere con il maggior numero di minori affidati ai servizi sociali e con più adulti ai domiciliari, ma è anche quello che fa registrare più nascite. La frequentazione del Libertà mi ha dato un approccio diverso ai problemi della città. Non esistono baby boss che fanno carriera, perché è una vita che ti porta o in carcere o in una cassa da morto. Frequentando il Libertà ho guardato i ragazzi più piccoli, e da loro ho capito che molto spesso si è costretti a prendere strade sbagliate. La colpa è di tutti se quei ragazzi diventano criminali a 25 anni: non riusciamo a intervenire su un destino già segnato. I quartieri non sono tutti uguali; voi ragazzi del libertà siete diventati grandi subito e adesso aiutate i più piccoli nel loro percorso educativo. E di questo vi ringrazio».

Un'occasione anche per ribadire la vicinanza delle istituzioni a un rione che è una vera e propria periferia sociale della città. Negli scorsi mesi sono iniziati i lavori per la costruzione di una caserma dei Carabinieri all'interno di un'ala della ex Manifattura Tabacchi, per «Dare al quartiere il controllo del territorio che merita», come sottolinea Vincenzo Molinese, comandante provinciale dell'Arma. «In quella realtà urbana tante brave persone sono vittime di fenomeni criminali - conclude Molinese. L'idea è di far coincidere I Municipi con i presidi delle forze dell'ordine, per accrescere sicurezza e rapporti confidenziali con i cittadini».
pres estate dei ragazzinn
La Gazzetta del Mezzogiorno 12 Giugno 2018 pag V Bari città - PDF
La Gazzetta del Mezzogiorno 12 Giugno 2018 pag IV Bari città
RadioCorriereTV 11 giugno 2018 N 23 anno 87 pagg. 14-15 - PDF

“Un calcio alla droga”: stasera a Bari in campo le squadre di Comune e Uisp

Con tre incontri sportivi il progetto ha lo scopo di contribuire alla realizzazione di attività di inclusione dei bambini e raga zzi autistici

All’incontro hanno partecipato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico, il presidente della commissione consiliare Culture Giuseppe Cascella, il presidente onorario Uisp Elio di Summa, la presidente di “Dico no alla droga” Barbara Fortunato, la presidente dell’ASFA Puglia Valeria Morisco, il direttore dell’oratorio “Redentore” don Francesco Preite, la consigliera incaricata al supporto delle attività culturali nelle scuole dell’obbligo Rosa Grazioso e il dirigente scolastico I.C. “E. Duse” Gerardo Marchitelli coinvolto nel progetto.

“Un calcio alla droga” è un progetto realizzato in rete tra soggetti istituzionali e non, che attraverso tre incontri sportivi intende contribuire alla realizzazione di attività di inclusione dei bambini e ragazzi autistici.

“Questa iniziativa – ha detto Giuseppe Cascella – ben si sposa con la ricorrenza del 26 giugno, giornata mondiale per la prevenzione contro la droga: un appuntamento fondamentale per le famiglie, le scuole, per le associazioni e per gli esponenti della società civile. L’amministrazione, in seguito ai recenti episodi di cronaca accaduti in città e legati al traffico degli stupefacenti, appoggia e sostiene questa importante campagna di sensibilizzazione, che si è potuta realizzare grazie all’aiuto delle associazioni che operano nel territorio, della scuola Duse e di numerose mamme. Tra l’altro, è stato calcolato che, grazie ad un modello di prevenzione basato su evidenze scientifiche, siamo in grado di risparmiare trenta volte l’importo investito sui futuri costi sociali e sanitari per cura e riabilitazione. Il messaggio che deve arrivare alla comunità, scritto sulla locandina dell’evento, è una frase di papa Wojtyla, “Prendi la tua vita e fanne un capolavoro”. E il campo comunale di Capocasale di San Girolam, questa sera, sarà davvero un capolavoro.

“Quello che davvero ci unisce – ha proseguito don Francesco Preite – è la rete che include le istituzioni e le realtà del territorio, una ‘casa di tutti’ che include coloro che combattono il disagio e l’esclusione sociale. La nostra è una comunità aperta, sempre vicina ai giovani, quasi un campo di battaglia. La lotta alla droga si combatte con la prevenzione e il dialogo, da attuarsi utilizzando linguaggi a loro confacenti come lo sport e la musica, esattamente quello che questa iniziativa intende attuare. La nostra missione è offrire ai giovani, senza ovviamente sostituirci alle famiglie, una valida alternativa alla strada”.

“Questa iniziativa – ha concluso l’assessora Bottalico – dimostra che quando si uniscono in rete diverse realtà, ognuna con la propria sensibilità, esperienza, professionalità e linguaggio, si diventa più forti. Se gli eventi, quindi, vengono progettati insieme, hanno respiro più ampio. Per l’amministrazione è importante che quello che costruiamo adesso per i nostri ragazzi non si dissolva dopo di noi: a questo riguardo ci siamo impegnati affinché venga valorizzato il lavoro delle associazioni, ed è già il secondo anno che, grazie anche al primo regolamento sulla concessione di contributi alle associazioni, sono state assegnati più di 300 mila euro. Sono soldi che servono ad allargare la progettazione, che deve avvenire “dal basso”. Infine, stiamo completando il Piano sociale di Zona al quale hanno partecipato più di 400 realtà del territorio per definire la progettualità dell’amministrazione fino al 2020. Riguardo alla prevenzione contro la droga e alle dipendenze in generale, ricordo che nel dicembre scorso abbiamo attivato una unità di strada che anche la notte, sette giorni su sette, lavora nei luoghi di aggregazione dei giovani, e nelle scuole per fornire informazioni e attività di mediazione culturale e di ascolto”.

Dopo il match di questa sera fra Comune e Uisp, si tornerà in campo venerdì 15 giugno alle 19, presso l’Istituto Salesiano Redentore, per un quadrangolare che coinvolgerà le squadre del Comune di Bari, dei bancari del Monte dei Paschi di Siena, dei giovani dell’Istituto Salesiano “Redentore” e dei genitori del quartiere Libertà. Infine, martedì 26 giugno al “Capocasale”, il terzo e l’ultimo appuntamento del programma, una sfida fra Comune di Bari e “Dico no alla droga”.

11 Giugno 2018 - http://www.comune.bari.it 

"Un calcio alla droga": presentato il programma di incontri sportivi benefici i cui introiti andranno all'associazione delle famiglie contro l'autismo

Si terrà questa sera, a partire dalle ore 20, presso il campo sportivo “Francesco Capocasale” in via Respighi a San Girolamo, il primo degli appuntamenti del progetto “Un calcio alla droga”, promosso dal Comune di Bari in collaborazione l’UISP - Unione italiana sport per tutti, l’ASFA - Associazione per il supporto alle famiglie contro l’autismo e l’associazione “Dico no alla Droga”.

L’iniziativa solidale, organizzata dall’associazione “Dico no alla droga”, che per la prima volta raccoglierà fondi in favore di ASFA, è stata presentata questa mattina a Palazzo di Città.

All’incontro hanno partecipato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico, il presidente della commissione consiliare Culture Giuseppe Cascella, il presidente onorario UISP Elio di Summa, la presidente di “Dico no alla droga” Barbara Fortunato, la presidente dell’ASFA Puglia Valeria Morisco, il direttore dell’oratorio “Redentore” don Francesco Preite, la consigliera incaricata al supporto delle attività culturali nelle scuole dell’obbligo Rosa Grazioso e il dirigente scolastico I.C. “E. Duse” Gerardo Marchitelli coinvolto nel progetto.

Un calcio alla droga” è un progetto realizzato in rete tra soggetti istituzionali e non che attraverso tre incontri sportivi intende contribuire alla realizzazione di attività di inclusione dei bambini e ragazzi autistici.

“Questa iniziativa - ha detto Giuseppe Cascella - ben si sposa con la ricorrenza del 26 giugno, giornata mondiale per la prevenzione contro la droga: un appuntamento fondamentale per le famiglie, le scuole, per le associazioni e per gli esponenti della società civile. L’amministrazione, in seguito ai recenti episodi di cronaca accaduti in città e legati al traffico degli stupefacenti, appoggia e sostiene questa importante campagna di sensibilizzazione, che si è potuta realizzare grazie all’aiuto delle associazioni che operano nel territorio, della scuola Duse e di numerose mamme. Tra l’altro, è stato calcolato che, grazie ad un modello di prevenzione basato su evidenze scientifiche, siamo in grado di risparmiare trenta volte l’importo investito sui futuri costi sociali e sanitari per cura e riabilitazione. Il messaggio che deve arrivare alla comunità, scritto sulla locandina dell’evento, è una frase di papa Wojtyla, “Prendi la tua vita e fanne un capolavoro”. E il campo comunale di Capocasale di San Girolam, questa sera, sarà davvero un capolavoro. 

“Quello che davvero ci unisce - ha proseguito don Francesco Preite - è la rete che include le istituzioni e le realtà del territorio, una ‘casa di tutti’ che include coloro che combattono il disagio e l’esclusione sociale. La nostra è una comunità aperta, sempre vicina ai giovani, quasi un campo di battaglia. La lotta alla droga si combatte con la prevenzione e il dialogo, da attuarsi utilizzando linguaggi a loro confacenti come lo sport e la musica, esattamente quello che questa iniziativa intende attuare. La nostra missione è offrire ai giovani, senza ovviamente sostituirci alle famiglie, una valida alternativa alla strada”.

“Questa iniziativa - ha concluso l’assessora Bottalico - dimostra che quando si uniscono in rete diverse realtà, ognuna con la propria sensibilità, esperienza, professionalità e linguaggio, si diventa più forti. Se gli eventi, quindi, vengono progettati insieme, hanno respiro più ampio. Per l’amministrazione è importante che quello che costruiamo adesso per i nostri ragazzi non si dissolva dopo di noi: a questo riguardo ci siamo impegnati affinché venga valorizzato il lavoro delle associazioni, ed è già il secondo anno che, grazie anche al primo regolamento sulla concessione di contributi alle associazioni, sono state assegnati più di 300 mila euro. Sono soldi che servono ad allargare la progettazione, che deve avvenire “dal basso”. Infine, stiamo completando il Piano sociale di Zona al quale hanno partecipato più di 400 realtà del territorio per definire la progettualità dell’amministrazione fino al 2020. Riguardo alla prevenzione contro la droga e alle dipendenze in generale, ricordo che nel dicembre scorso abbiamo attivato una unità di strada che anche la notte, sette giorni su sette, lavora nei luoghi di aggregazione dei giovani, e nelle scuole per fornire informazioni e attività di mediazione culturale e di ascolto”.

 

Di seguito il programma degli incontri di calcio:

 

  • ·        Lunedì 11 giugno ore 20 presso Campo sportivo “Capocasale”

incontro di calcio tra le rappresentative del Comune di Bari e UISP

  • ·        Venerdì 15 giugno ore 19 presso Istituto Salesiano Redentore

quadrangolare di calcio: partecipano le squadre del Comune di Bari, dei bancari del Monte dei Paschi di Siena, dei giovani dell’Istituto Salesiano “Redentore” e dei genitori del quartiere Libertà

  • ·        Martedì 26 giugno ore 20 presso Campo sportivo “Capocasale”

incontro di calcio tra le rappresentative del comune di Bari e “Dico no alla Droga”.

8 Giugno 2018 - http://www.comune.bari.it 

“Un calcio alla droga” lunedì la presentazione del progetto

Sarà presentato lunedì prossimo, 11 giugno, alle ore 11, nella sala giunta di Palazzo di Città, il progetto “Un calcio alla droga”, promosso dal Comune di Bari in collaborazione l’UISP - Unione italiana sport per tutti, l’ASFA - Associazione per il supporto alle famiglie contro l’autismo e l’associazione “Dico no alla Droga”.

“Un calcio alla droga” proporrà momenti condivisi con le realtà coinvolte e una serie di incontri di calcio il cui programma sarà illustrato nel corso della conferenza stampa.

Alla presentazione interverranno il presidente della commissione consiliare Culture Giuseppe Cascella, il presidente onorario UISP Elio di Summa, la presidente di “Dico no alla droga” Barbara Fortunato, il dirigente scolastico I.C. “E. Duse” Gerardo Marchitelli, la presidente dell’ASFA Puglia Valeria Morisco, il direttore dell’oratorio “Redentore” don Francesco Preite e la consigliera incaricata al supporto delle Attività culturali nelle scuole dell’obbligo Rosa Grazioso.

È prevista la partecipazione di rappresentanti delle squadre dei bancari del Monte dei Paschi di Siena, dei giovani dell’Istituto Salesiano “Redentore” e dei genitori del quartiere Libertà che hanno aderito al progetto.

 

Aperte le iscrizioni per l’“Estate ragazzi” all’Oratorio Redentore

mar 05 Giugno 2018 - www.pugliapositiva.it

Aperte le iscrizioni per l’“Estate ragazzi” all’Oratorio Redentore
 

In programma laboratori, sport, musica e giochi per bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 ed i 14 anni

BARI - L’estate a Bari, i ragazzi possono trascorrerla tra divertimento, sport, amicizie e tanta allegria nell’Oratorio salesiano Redentore che da anni organizza una serie di eventi per garantire che non la trascorrano per strada o in casa davanti a computer o tablet.

Sono infatti aperte le iscrizioni all’iniziativa “Estate Ragazzi”, organizzato proprio dall'Oratorio del Redentore, al quartiere Libertà, per tutti i ragazzi e le ragazze nati dal 2004 al 2011, e quindi di età compresa tra i 7 ed i 14 anni.Gli eventi, tra laboratori, musica, giochi, sport ed altre attività varie inizieranno il prossimo 18 giugno e dureranno per quattro settimane. Bambini e ragazzi si ritroveranno al mattino dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle 13 per: calcio, basket e pallavolo. Dopo una buona merenda, i ragazzi saranno coinvolti in laboratori educativi: clown, danza, pittura su stoffa, realizzazione di braccialetti, musica jazz, creazione e percussioni.

L’inaugurazione è prevista alle ore 17 del 18 giugno nell'Oratorio Redentore di Bari, per dare inizio all'Estate Ragazzi che si svolgerà dal lunedì al sabato dalle ore 17 alle 20. Sono previste inoltre delle giornate tematiche sulla legalità e gite fuoriporta: la gita al parco acquatico di Metaponto e la festa degli Oratori salesiani pugliesi. Nei pomeriggi del sabato, l’Oratorio animerà il giardino “Mimmo Bucci” così come non mancherà l’ormai tradizionale ‘pellegrinaggio’ in bici da piazza Redentore alla Basilica di San Nicola.

Il tema conduttore dell’Estate Ragazzi 2018 è il film d’animazione, “Baby Boss”. “Educare i ragazzi al rispetto dei propri coetanei e degli educatori – dichiara don Francesco Preite, direttore dell’Oratorio Redentore - è il messaggio che vogliamo dare ai più piccoli e alle famiglie contro ogni forma di prepotenza, di bullismo o di violenza. Il vero leader è chi rispetta le regole. Il linguaggio del gioco e del clima di famiglia aiuta i ragazzi di questa iniziativa a comprendere più facilmente che vivere da buon cristiano ed onesto cittadino è meglio che vivere da boss destinato alla solitudine e alla disperazione nei migliori dei casi”.

Per le iscrizioni ci si può rivolgere in Oratorio, via Martiri d’Otranto 65 tutti i giorni dalle ore 17 alle 20. Per il programma dettagliato e tutte le informazioni si può visitare il sito Redentore Salesiani don Bosco oppure telefonare al 388.6489149.


News ANS

Vaticano – Sinodo, Mons. Buzon, SDB, ai giovani: “Qual è il vostro più profondo desiderio?”

(ANS – Città del Vaticano) – Oltre a mons. Luc Van Looy, SDB, anche mons. Patrick ... leggi tutto

Austria – “Il commercio equo dovrebbe essere la norma, non l’eccezione”

(ANS – Vienna) – Dario Soto Abril è un exallievo salesiano, attualmente alla guida ... leggi tutto

Uganda – L’impegno salesiano per l’alimentazione e la salute dei bambini e giovani affetti da HIV/AIDS

(ANS – Namugongo) – I Figli spirituali di Don Bosco sono fortemente impegnati a migliorare ... leggi tutto

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news